12 regole per la vita di Jordan B. Peterson

12 Rules For Life Applied Psychology Family health Jordan B. Peterson Lifestyle Psychology

Un antidoto al caos

12 Rules For Life by Jordan B. Peterson

Compra libro - 12 regole per la vita di Jordan B. Peterson

Qual ​​è l'argomento del libro 12 Regole per la vita?

Un nuovo libro, 12 Rules For Life (2018), presenta ai lettori un inventario dei problemi più urgenti della vita e delle sfide che sono presenti nella mente umana sin dagli albori della civiltà. Per aiutarci a vivere una vita significativa, l'autore Jordan B. Peterson ha raccolto alcune delle affermazioni filosofiche e teologiche più durature, nonché gli insegnamenti di alcune delle nostre storie più amate, in una raccolta di 12 principi. Queste regole chiare e coerenti, che attingono alla filosofia, alla psicologia, alla storia e al mito, possono essere seguite da chiunque.

Chi ha letto il libro 12 regole per la vita?

  • Studenti che si laureano in psicologia
  • Lettori che cercano uno scopo nella loro vita e coloro che sono interessati agli insegnamenti della mitologia,

Qual ​​è il background di Jordan B. Peterson?

Psicologo clinico e critico culturale, Jordan Peterson è professore di psicologia all'Università di Toronto, nonché psicologo clinico e critico culturale in generale. I suoi video su YouTube spesso controversi e le sue apparizioni pubbliche, in cui critica la correttezza politica, gli hanno guadagnato una grande attenzione e copertura mediatica.

Cosa contiene esattamente per me? Ottieni alcuni consigli concreti e attuabili per aiutarti a percorrere la strada accidentata che è il percorso della vita.

 Nella favola di Pinocchio, un minuscolo burattino realizza il suo desiderio: viene liberato dai fili che avevano governato la sua esistenza e gli viene data la possibilità di crescere e diventare un giovane autentico e autosufficiente uomo. Ciò ha richiesto di affrontare tutti i pericoli della vita quotidiana, così come le dure lezioni acquisite attraverso l'onestà, l'amicizia e la famiglia, che Pinocchio non ha capito fino a tardi. Nel corso della storia, storie classiche come Pinocchio, così come una pletora di altri noti miti, fiabe e parabole religiose, hanno rappresentato il compito di scoprire il significato della vita come un delicato atto di equilibrio tra ordine e caos, il familiare e l'esotico, o sicurezza e avventura.

I libri storici, così come gli scritti di filosofi come Socrate e Aristotele, vengono continuamente tramandati e studiati perché cerchiamo ideali e norme universali che possano dare un senso alla nostra vita. L'autore Jordan B. Peterson ha preso questi temi in considerazione durante la creazione di un nuovo elenco di 12 di questi principi che aiuteranno le persone contemporanee a navigare nei tempi turbolenti che stiamo vivendo in questo momento. Scopri cosa possono insegnarci i granchi sulla fiducia in se stessi, cosa può insegnarci un fiore di loto su come trovare uno scopo nella vita e cosa possono insegnarci i giovani skateboarder sulla natura umana in questa raccolta di appunti.

Le gerarchie sono una caratteristica prevalente della vita nelle culture di tutto il mondo, quindi datti una mano mantenendo una postura eccellente.

 Il termine "l'ordine gerarchico" è uno di quelli che senza dubbio hai già sentito prima, vero? Ma avete idea da dove provenga? Negli anni '20, il biologo norvegese Thorleif Schjelderup-Ebbe stava effettuando ricerche sui polli da cortile quando scoprì che esisteva un'evidente gerarchia tra gli uccelli. Ha chiamato il termine dopo questa scoperta. I polli in alto erano i più sani e forti, e di solito erano i primi a beccare quando il mangime veniva portato fuori. Le galline in fondo erano le più deboli. Le loro piume si staccarono e potevano solo mordicchiare le briciole che erano rimaste. Ordini di beccata come questi non sono esclusivi dei polli; possono essere visti in tutto il mondo animale nel loro stato naturale.Le aragoste, ad esempio, indipendentemente dal fatto che si trovino nell'oceano o siano cresciute in cattività, gareggeranno ferocemente per i posti migliori e più sicuri in cui rifugiarsi

Gli scienziati hanno scoperto che queste dispute competitive porteranno i vincitori e i perdenti ad avere equilibri chimici nei loro cervelli che sono significativamente differenti. I partecipanti vincitori avranno un rapporto maggiore tra l'ormone serotonina e l'octopamina, mentre i rapporti dei partecipanti perdenti saranno distorti nell'altro modo. Questi livelli possono persino influenzare la postura delle aragoste: quantità maggiori di serotonina fanno sì che i vincitori siano più agili ed eretti, mentre livelli più alti di octopamina fanno sì che i perdenti siano stretti e rannicchiati. Data questa disparità, gli scontri futuri saranno più difficili, perché le aragoste erette sembreranno più grandi e spaventose, portando le aragoste nervose a rimanere sottomesse. È possibile che tu abbia ipotizzato che gli umani abbiano gerarchie e cicli di vittorie e sconfitte paragonabili a quelli degli animali.

Alcuni studi hanno dimostrato che chi soffre di alcolismo o depressione è meno propenso a partecipare a uno scenario competitivo, che serve semplicemente a favorire ancora una maggiore inattività, così come scarsa autostima e disperazione. È vero anche il contrario: gli individui che vincono spesso mostrano un atteggiamento spavaldo e fiducioso, che può aiutarli a mantenere la loro corsa vincente. Gli esseri umani, come le aragoste, si confrontano e si contrappongono sempre tra loro, e colleghiamo l'intelletto di una persona al suo aspetto fisico. Quando cerchi di ottenere un vantaggio, ricorda la prima regola: tieni la testa alta e adotta l'atteggiamento di un guerriero vittorioso.

Trattarsi con la stessa cura che si riserva a una persona cara è essenziale.

 Nel caso in cui il tuo cane fosse malato e il veterinario gli avesse raccomandato la medicina, non metteresti in discussione il giudizio del medico e rifiuteresti di compilare la prescrizione, vero? Nonostante ciò, un terzo delle persone non segue le prescrizioni mediche fornite dai propri medici, sollevando la questione del perché ci prendiamo cura dei nostri cani meglio di quanto non facciamo per noi stessi. Il fatto che siamo sempre consapevoli dei nostri difetti contribuisce ai nostri sentimenti di disprezzo per noi stessi, che possono portare a un'autopunizione ingiustificata e alla convinzione di non meritare di essere felici. Di conseguenza, siamo più interessati agli altri che a noi stessi.

Questa idea che siamo inutili può essere fatta risalire alla narrazione di Adamo ed Eva che furono espulsi dal Giardino dell'Eden, come minimo. Secondo questa storia allegorica, Adamo ed Eva simboleggiano tutti gli esseri umani e vengono ingannati a mangiare il frutto proibito della conoscenza da un serpente maligno, che rappresenta la saggezza. Secondo la leggenda, gli umani sono considerati permanentemente contaminati dal male se accettano il consiglio del serpente. Mentre il racconto del Giardino dell'Eden può renderci consapevoli di questo lato malvagio dentro di noi e può rafforzare la sensazione che non meritiamo cose buone, può anche essere interpretato sotto una luce diversa: non siamo solo noi stessi che sono corrotti, ma l'intero universo a causa della caduta. Le persone e i serpenti del giardino possono essere visti come l'equilibrio intrinseco di ordine e caos che esiste in tutta la terra.

È anche possibile osservare questa dualità della natura nella filosofia orientale, che è simboleggiata dai due lati del simbolo Yin-Yang: c'è un lato luminoso e un lato oscuro, ma entrambi i lati includono una parte dell'altro al loro interno, e nessuno dei due può esistere senza l'altro. Raggiungere l'armonia in questa situazione si ottiene attraverso il raggiungimento di un buon equilibrio tra luce e oscurità, con l'obiettivo di non andare troppo lontano in nessuno dei due modi.Considera il seguente scenario: se un genitore cerca di impedire al proprio figlio di essere esposto a qualcosa di "cattivo", sostituirà semplicemente il caos alla tirannia del troppo ordine. In mancanza di un'espressione migliore, cercare di essere impeccabile è inutile. Questo ci porta alla seconda regola: trattati come se fossi una persona cara che ha bisogno del tuo aiuto.

Di conseguenza, abbi cura di te, ma astieniti dal combattere contro il caos, poiché questa è una battaglia impossibile da vincere. Inoltre, invece di concentrarti solo su ciò che ti rende felice, cerca di concentrarti anche su ciò che è meglio per te. Anche se da bambino potresti non aver voluto lavarti i denti o indossare i guanti, queste sono attività importanti a cui partecipare. Per identificare chi sei e dove vuoi andare nella vita, devi fissare degli obiettivi per te stesso da adulto che ti aiutano a definire chi sei. Successivamente, scoprirai le misure che dovresti fare e le attività più appropriate per te.

L'azienda sbagliata può essere dannosa per il tuo benessere, quindi scegli con cura i tuoi partner.

 Uno degli amici d'infanzia dell'autore non ha mai lasciato le praterie di Fairview, in Alberta, dove è cresciuto nella provincia delle praterie dell'Alberta, nel nord del Canada. Invece, è rimasto e alla fine è diventato uno dei tanti sfigati della città. Solo di tanto in tanto l'autore tornava a casa e si incontrava con il suo amico - e ad ogni visita, l'autore poteva vedere il graduale e tragico deterioramento del suo amico diventare più evidente. Quello che una volta era un senso di possibilità si è trasformato in un senso di amarezza man mano che si invecchia. Quei ne'er-do-well, divenne evidente all'autore, stavano trascinando il suo amico verso il basso e gli impedivano di progredire ulteriormente nella vita. E questo è qualcosa che può succedere a chiunque, in qualsiasi momento, in qualsiasi luogo.

Quando un incapace viene inserito in un gruppo di persone che ottengono grandi risultati, una dinamica simile può svolgersi in un ambiente di lavoro. La direzione può credere che, così facendo, i dipendenti problematici apprenderanno pratiche positive dai loro colleghi. Non è necessariamente così. Contrariamente alla credenza popolare, la ricerca ha dimostrato che è più probabile che accada il contrario, con cattive abitudini che iniziano a diffondersi e riducono le prestazioni complessive di tutti. Questo è il motivo per cui la terza linea guida è assicurarti di circondarti di persone di supporto, poiché questi sono i tipi di connessioni che hanno il potenziale per causare un buon cambiamento nella tua vita. Essere selettivi nei confronti dei tuoi amici è una decisione saggia che non è né egoista né snob. Le amicizie positive e solidali vanno in entrambe le direzioni: quando hai bisogno di incoraggiamento, loro saranno lì per te, e quando il tuo amico avrà bisogno di assistenza per riprendersi da una battuta d'arresto o fare progressi, tu ci sarai per loro.

È possibile che questa dinamica possa promuovere il successo individuale e allo stesso tempo portare a un significativo successo sociale quando viene utilizzata come parte di una squadra. Dopo aver lasciato Fairview per il college, l'autore si è unito a un gruppo di persone che la pensano allo stesso modo che si sono aiutate a vicenda nelle loro e in molte altre iniziative, come la creazione di un giornale e l'amministrazione di un'unione studentesca di successo. I tuoi amici vedranno quando stai sguazzando nella negatività e ti esorteranno a uscirne e a rimetterti in carreggiata. Vorranno ciò che è meglio per te e vorranno ciò che è meglio per te per avere successo.

Non confrontandoti con gli altri, ma confrontandoti con i tuoi risultati precedenti, puoi ottenere progressi.

 C'è stato un tempo in cui essere un pesce grande in uno stagno minuscolo era considerato un onore. Tuttavia, grazie a Internet, anche l'idea di una comunità locale è già una reliquia del secolo precedente. Il mondo è diventato una società globale, e non importa dove ti trovi nel mondo, c'è sempre qualcuno che è più talentuoso o più intelligente di te. Di conseguenza, veniamo al tema dell'autocritica.Per avere successo nella vita è necessario essere critici con se stessi; altrimenti, non avremmo nulla per cui lottare, nessun desiderio di migliorare noi stessi, e le nostre vite diventerebbero presto prive di significato Fortunatamente, è una naturale inclinazione umana a vedere il presente come inadeguato e il futuro come promettente un futuro molto migliore. C'è una logica per questa inclinazione e aiuta la nostra capacità di rimanere motivati ​​ad andare avanti e prendere decisioni.

L'autocritica, d'altra parte, può diventare offensiva quando si tratta di confrontare noi stessi con gli altri. Questo ci fa perdere di vista dove siamo rispetto ai nostri obiettivi. Innanzitutto, questo ci incoraggia a pensare in termini in bianco e nero: o abbiamo avuto successo o abbiamo fallito nei nostri sforzi. Per questo motivo, non siamo in grado di vedere i guadagni incrementali che sono spesso piccoli, ma comunque significativi. I confronti possono anche farci perdere di vista il quadro più ampio concentrandoci su un particolare elemento della nostra vita ed esagerandone il significato. Considera il seguente scenario: stai guardando indietro all'anno precedente e ti rendi conto che non eri produttivo sul lavoro come alcuni dei tuoi colleghi. Potresti ritrovarti a sentirti come un fallimento completo e totale quasi immediatamente. Potresti, tuttavia, scoprire che se fai un passo indietro e osservi tutte le aree della tua vita, vedrai che hai apportato cambiamenti significativi nella tua vita familiare.

Di conseguenza, la quarta linea guida è quella di non confrontarsi mai con gli altri e di valutare sempre se stessi in relazione ai propri risultati precedenti piuttosto che rispetto agli altri. Anche fare confronti tra i risultati attuali e precedenti può aiutarti a rimanere in pista. Nel caso in cui inizi a credere di vincere costantemente, questo è un segnale di avvertimento che devi migliorare la tua capacità di correre rischi e fissare obiettivi difficili per te stesso. Quando controlli i tuoi progressi, immagina di essere il proprietario di una casa che ha bisogno di essere ispezionato. Per fare ciò, è necessario esaminare tutto dall'alto verso il basso e classificare ogni singolo problema. È un problema estetico o strutturale? Devi prima creare un elenco degli elementi che devono essere riparati prima di poter offrire il tuo sigillo di approvazione. È probabile che questo metodo ti tenga così preoccupato dei tuoi problemi da non preoccuparti di come ti confronti con gli altri.

È responsabilità di un genitore allevare un figlio responsabile e compassionevole.

 Se hai mai visto genitori ignorare un bambino che sta causando problemi, potresti esserti chiesto se fossero solo dei genitori pessimi o se fossero intelligenti permettendo al bambino di logorarsi. Gli stili genitoriali si sono evoluti nel tempo, spesso come conseguenza dell'antica discussione natura vs educazione, così come diversi punti di vista sul tipo di istinti che sono innati in tutti gli esseri umani. I nostri antichi predecessori erano simpatici, gentili e infantili, secondo una nozione diffusa che ebbe origine con il filosofo Jean-Jacques Rousseau nel diciottesimo secolo. Si sostiene che l'influenza corruttrice della civiltà sull'umanità sia la causa della nostra storia di conflitti e spargimenti di sangue.

La realtà che gli individui nascono con impulsi violenti è ora più compresa e le persone devono imparare a diventare adulti più gentili, più gentili e più "civilizzati" come risultato di questa conoscenza. Dato quanto possono essere cattivi i bambini in un parco giochi, è probabile che ricordi quanto possa essere calma la maggior parte delle aziende in contrasto .......................... In definitiva Secondo l'autore, è responsabilità dei genitori assicurarsi che il loro bambino naturalmente aggressivo diventi un adulto adeguatamente adattato. Questo ci porta alla quinta regola: i genitori devono essere più che semplici amici; devono crescere un essere umano responsabile e simpatico. Il fatto che a nessuno piaccia essere il "cattivo ragazzo" può rendere questo un problema.Tuttavia, i bambini sono aggressivi perché hanno un desiderio naturale di spingere i confini per scoprire dove sono tracciati i limiti della società. Di conseguenza, quando si tratta di tracciare tali confini, un genitore deve essere forte e determinato.

Anche se questo potrebbe non sembrare molto divertente, considera questo: se non imparano queste cose da un genitore amorevole e comprensivo, le impareranno più avanti nella vita in un modo che sicuramente sarà meno gentile e comprensione. In questa sezione, discuteremo tre importanti tecniche per una genitorialità efficace: Il primo passo è restringere l'ambito dei regolamenti. Troppe restrizioni portano a bambini insoddisfatti che sono continuamente confrontati con blocchi stradali. Quindi, mantieni le cose semplici e facili da comprendere aderendo ad alcune regole fondamentali e facilmente comprensibili, come non mordere, prendere a calci o colpire qualcuno a meno che non sia per legittima difesa.

Il secondo principio è utilizzare la minima quantità di energia richiesta. È solo quando le conseguenze sono rese evidenti che una punizione efficace ed equa può essere amministrata. La punizione deve anche essere proporzionata al reato, il che significa che dovrebbe essere dura quanto basta per insegnare a un bambino a non violare più la regola in futuro. A volte tutto ciò che serve è un'espressione insoddisfatta; in altri casi potrebbe essere necessaria una settimana senza videogiochi. Il terzo requisito è che i partecipanti arrivino in coppia. I bambini sono intraprendenti e cercheranno di realizzare i loro desideri mettendo un genitore contro l'altro: mantenere un fronte unito è essenziale. Inoltre, ogni genitore commette errori, ma se hai un coniuge che ti sostiene, avrai maggiori probabilità di riconoscere e cogliere questi errori all'inizio del processo.

Il mondo è pieno di ingiustizie, ma non dovremmo mettere la responsabilità della nostra situazione sulle spalle degli altri.

Non ha senso addolcire il fatto che il mondo è pieno di difficoltà e miseria, ma questo non è un motivo per rinunciare alla speranza. Sebbene molti individui nel corso della storia abbiano creduto che la vita sia dura e ingiusta, hanno anche creduto che l'adozione di misure estreme fosse accettabile. Secondo il romanziere russo Lev Tolstoj, la vita è così scandalosamente ingiusta che ci sono solo quattro risposte accettabili: ignoranza infantile, piacere edonistico, suicidio o perseveranza nonostante tutto. Nel suo articolo "A Confession", Tolstoj ha esaminato questi punti di vista opposti e ha deciso che il suicidio era la risposta più onesta e che continuare a lottare era la prova della sua incapacità di scegliere la decisione giusta.

Altri hanno reagito in modo simile, ma hanno scelto di togliere la vita ad altri oltre alla propria, in quelli che sono conosciuti come omicidio-suicidio, come le sparatorie alla scuola di Sandy Hook e Columbine, tra le altre . Un migliaio di sparatorie si sono verificate negli Stati Uniti durante un periodo di 1.260 giorni prima del giugno del 2016, con gli autori che hanno ucciso almeno altri quattro e poi si sono sparati. In molti casi, questo è stato seguito da una morte autoinflitta. Non importa quanto tu abbia sofferto o quanto la vita sia stata crudele e ingiusta con te, nonostante la visione pessimistica di Tolstoj, non dovresti prendertela con il mondo. In sostanza, questo è ciò che riguarda la sesta regola di vita, che dice che dovresti accettare la responsabilità della tua vita prima di giudicare gli altri. Fu Aleksandr Solzhenitsyn, un altro scrittore russo, a credere che fosse possibile rifiutare la durezza della vita, anche quando la vita era crudele con te.

Solzhenitsyn fu uno dei comunisti che combatterono contro i nazisti durante la seconda guerra mondiale, ma fu imprigionato dal suo stesso governo dopo la guerra, nonostante il suo servizio. Ancora più devastante, gli fu diagnosticato un cancro mentre era imprigionato in un campo di lavoro russo, aggravando la sua miseria.Nonostante tutto ciò, Solzhenitsyn rifiutò di ritenere il mondo responsabile delle sue sfortunate circostanze Si assunse la responsabilità delle sue azioni nel sostenere il Partito Comunista che lo aveva imprigionato e decise di sfruttare al meglio il tempo che gli rimaneva per dare un contributo positivo e significativo per il bene più grande.

Quello che ha fatto è stato scrivere The Gulag Archipelago, un libro che è servito sia come cronaca dei campi sovietici che aveva visitato personalmente sia come una dura condanna delle condizioni in cui erano tenuti. Il libro ha svolto un ruolo significativo nel porre fine a qualsiasi residuo sostegno alla versione di comunismo di Stalin che esisteva all'epoca tra i circoli intellettuali di tutto il mondo.

Provvedere ai bisogni degli altri può essere un atto significativo e dovremmo scegliere il significato al di sopra dei piaceri immediati.

 Hai mai sentito la storia della scimmia che è rimasta incastrata con la mano nel barattolo dei biscotti? È un classico. Un biscotto era stato messo in un barattolo aperto e la bocca del barattolo era abbastanza grande da far entrare la mano della scimmia, ma non abbastanza grande da far uscire il suo pugno con dentro il bocconcino. Sarebbe stato costretto ad abbandonare il suo tentativo di aggrapparsi alle sue prelibatezze se avesse continuato a farlo. La lezione di questa storia è che l'avidità ha un costo: la scimmia è stata catturata perché si è rifiutata di rinunciare al suo biscotto. Qual è la differenza tra questo e il comportamento umano? Ogni giorno, quante persone si dedicano ad attività che non sono nel loro migliore interesse? Inoltre, quante persone sono contrarie a scendere a compromessi nel loro interesse?

Una delle conseguenze indesiderate di vedere il mondo come un pozzo di miseria è che rende particolarmente facile razionalizzare una vita focalizzata su piaceri temporanei che la renderanno più tollerabile a breve termine. Inoltre, se ti rende felice, non può essere così terribile, vero? Questo è il ragionamento alla base di attività autodistruttive come abbuffate e bevute, uso di droghe, depravazione sessuale e altre forme di autolesionismo. Il rovescio della medaglia di questo dibattito è il sacrificio, in particolare il tipo di sacrificio che si traduce in cose più grandi in futuro come risultato di rinunciare a qualcosa nel presente. Questa pratica risale alla preistoria, quando le comunità conservavano il cibo per assicurarsi la sopravvivenza durante l'inverno o per aiutare gli altri nella società che non potevano cacciarlo o produrlo.

Questo è un altro argomento ampiamente trattato nella Bibbia. Quando Dio espulse Adamo ed Eva dal paradiso, divenne molto evidente che il loro peccato iniziale era la causa principale dell'esistenza dura e terribile che tutti sono costretti a sopportare. Il nostro dolore in questa vita, d'altra parte, è il prezzo che dobbiamo pagare per poter godere dei piaceri dell'aldilà. Questo ci porta alla settima linea guida, che consiste nel dare la priorità agli obiettivi significativi rispetto al piacere immediato. Ora, supporresti che questa sia un'idea semplice con cui la maggior parte delle persone ha già familiarità. Dopotutto, rinunciamo al nostro tempo libero per andare al lavoro e impieghiamo molte ore ora per poterci prendere una vacanza più tardi o rilassarci su una spiaggia durante i mesi estivi dopo.

Tuttavia, questo va oltre il semplice sacrificio per il tuo beneficio personale; ci sono cose grandi e piccole a cui possiamo rinunciare per il bene più grande, e maggiore è il sacrificio, più benefico può essere a lungo termine. Può essere utile visualizzare il fiore di loto. Durante il suo primo anno di esistenza, questa pianta cresce sul fondo di un lago, sfuggendo lentamente all'oscurità fino a quando finalmente irrompe sulla superficie dell'acqua e fiorisce alla luce del sole. Per dirla in altro modo, se rimani con qualcosa e sei disposto a fare sacrifici per raggiungere il tuo obiettivo, sarai ricompensato.

Le bugie sono una tecnica frequente di autoinganno, ma dovremmo cercare di vivere le nostre vite alla luce della verità

 L'anima di una persona, secondo il filosofo tedesco Friedrich Nietzsche, può essere misurata da quanta pura verità può sopportare. Nonostante il fatto che la verità sia spesso vista come un bene prezioso nella nostra società, continuiamo a dire bugie su base regolare. Ottenere ciò che crediamo di volere è una delle motivazioni più comuni per mentire a noi stessi e agli altri. Conosciute come bugie di vita dallo psicologo austriaco Alfred Adler, sono definite come le azioni e le dichiarazioni che faremo per raggiungere un obiettivo che è stato mal pensato in primo luogo. Ad esempio, potresti vedere il tuo pensionamento svolgersi su una remota spiaggia in Messico, completa di una scorta infinita di margarita e altri rinfreschi. Questo tipo di obiettivo può essere così allettante che continuerai a illuderti credendo che sia realizzabile anche se le circostanze si accumulano e lo rendono più improbabile.

Anche se potresti avere irritazioni cutanee dovute al caldo, alla sabbia e all'alcol, continuerai a dire a te stesso che hai il piano ideale, anche se in realtà non è affatto un piano, dal momento che non hai t definito azioni concrete che potrebbero trasformare il tuo sogno in realtà. La capacità di indurre in errore noi stessi a credere che sappiamo già tutto ciò che abbiamo bisogno di sapere è spesso associata a questo tipo di illusioni. Questo è un punto di vista particolarmente stupido da avere, poiché inibisce la nostra spinta naturale ad apprendere e svilupparsi come individui. Tuttavia, quando vivi nella menzogna e rifiuti di riconoscere la realtà, le cose possono diventare molto peggiori e molto più malvagie di quanto non siano ora. Nel poema epico di John Milton, Paradise Lost, Lucifero è mostrato come una figura razionale che, tuttavia, diventa troppo sicura di sé e infatuata delle sue capacità - al punto che lui e i suoi seguaci vengono espulsi dal cielo per aver osato mettere in discussione la verità ultima di Dio - come un risultato delle loro azioni.

Questo pone le basi per la regola numero otto: smetti di mentire e inizia a dire la verità. Non è necessario abbandonare tutte le tue alte ambizioni, ma dovresti essere disposto a essere flessibile per assicurarti che i tuoi obiettivi siano pratici e rappresentino la realtà. Di conseguenza, man mano che le tue conoscenze e prospettive evolvono, anche i tuoi obiettivi dovrebbero evolversi. E se la tua vita sta andando nella direzione sbagliata, potrebbe essere il momento di mettere in discussione la verità attuale che stai seguendo, quella che ti fa sentire debole, rifiutato o inutile, e riaffermare la tua verità per tornare in carreggiata.

Le conversazioni sono un'opportunità per imparare e crescere, non per competere tra loro.

Migliaia di anni dopo la sua morte, il filosofo greco Socrate è ancora considerato uno degli individui più intelligenti che abbiano mai camminato sulla terra. Un fattore che ha contribuito a questo è stata la sua convinzione che l'unica cosa di cui era sicuro era che non sapeva nulla, il che è servito come forza trainante nelle sue discussioni e motivazione per la sua volontà di imparare. Quando si ha una discussione reale, la procedura dovrebbe essere paragonabile a quella del pensare. Riflettere è fondamentalmente ascoltare te stesso mentre indaghi su due punti di vista opposti su un determinato argomento. Di conseguenza, stai essenzialmente costruendo il tuo dialogo interno, il che potrebbe essere impegnativo poiché devi rappresentare correttamente entrambi i punti di vista rimanendo comunque obiettivo nella conclusione.

Questo è uno dei motivi principali per cui gli individui comunicano tra loro: consente loro di spiegare più prontamente tutti i lati di un problema e raggiungere una decisione. Anche i più giovani si impegneranno in questo comportamento: se un bambino pensa che sarebbe divertente giocare su un tetto, può proporre l'idea a un amico, che può poi metterlo in guardia sui rischi di farlo.La discussione che segue consente al bambino che ha avuto l'idea iniziale di esaminare il nuovo punto di vista, valutare la probabilità che qualcuno possa cadere e ferirsi e, idealmente, fare la scelta migliore. Le conversazioni, invece, raramente vanno in questo modo. Invece, uno o entrambi i partecipanti rifiuteranno di ascoltare e affronteranno il dialogo come se fosse una competizione in cui devono vincere per confermare le loro ipotesi. Di conseguenza, piuttosto che ascoltare ciò che l'altra persona ha da dire, penserà a cosa dire dopo o agirà come se fosse una competizione per vedere chi può dirlo meglio.

Pertanto, la nona regola afferma che dovresti prestare attenzione a ciò che dicono gli altri e presumere che potresti trarre beneficio dalle loro esperienze. Una tecnica semplice per essere un conversatore migliore è prestare attenzione a ciò che l'altra persona sta dicendo e poi spiegarlo o ricapitolarlo ad alta voce una volta che ha finito. Questo serve a una serie di scopi: ti assicura di aver ascoltato le cose correttamente e aiuta anche a mantenerle nella memoria; riduce anche al minimo la possibilità di travisare o semplificare eccessivamente i fatti per adattare il tuo punto di vista durante la discussione. Potrebbe essere difficile ascoltare la verità e potrebbe essere ancora più difficile accettare la conoscenza che richiede di ripensare alle proprie convinzioni e supposizioni. Tuttavia, questo è il prezzo che devi pagare come risultato del meraviglioso processo di apprendimento e sviluppo.

È necessaria una terminologia chiara e precisa per affrontare la complessità delle situazioni della vita.

 La vita è davvero un arazzo vasto e complesso, eppure preferiamo percepire solo i frammenti isolati che sono necessari per capirlo tutto. La probabilità è che se stai andando per strada e noti una mela per terra, non penserai a come il frutto era legato al ramo, all'albero, alle radici e al terreno prima di cadere. La ragione di ciò è che abbiamo la tendenza a notare o prestare attenzione solo alle cose che ci sono utili o che ostacolano i nostri obiettivi. La mela cattura la nostra attenzione perché è simbolo di cibo e nutrimento. Tuttavia, non prendiamo in considerazione gli alberi e il suolo, poiché per noi sono di scarso valore per soddisfare le nostre esigenze.

È comprensibile che la nostra mente non riesca a stare al passo con tutto in ogni momento; il mondo è troppo complicato per quello. Di conseguenza, la mente semplifica le cose e rende più semplice per noi andare avanti con le nostre vite. Tuttavia, di tanto in tanto, può accadere qualcosa che fa sì che la nostra percezione dell'universo sia in frantumi e che il mondo sembri caotico. Ecco perché la decima linea guida è così importante: sii preciso nell'uso della lingua. Qual è il vantaggio di questo? Prendiamo ad esempio la parola "veicolo". Sai cos'è un veicolo, vero? È un mezzo di trasporto che ti porta dal luogo A al punto B. Ma, se questo veicolo si guasta nel mezzo del viaggio tra A e B, hai una buona comprensione di come funziona un'automobile? È possibile aprire il cofano e riparare questo complicato macchinario?

Quando la tua automobile si guasta, c'è un'alta probabilità che tu abbia impulsi primitivi a imprecare e forse anche a prendere a calci il veicolo perché non è più una cosa così semplice. Succede quando le cose si complicano e si fanno caotiche, e per recuperare bisogna riportare l'ordine descrivendo cosa è andato storto in maniera chiara ed esatta. Quando il tuo corpo inizia a funzionare male e ti ammali, devi seguire la stessa procedura. Potrebbero verificarsi diversi problemi contemporaneamente, quindi è necessario informare il medico dei sintomi specifici. Ti fa male lo stomaco o hai la febbre? È possibile che sia iniziato dopo aver mangiato qualcosa? Che cos'era, esattamente? Puoi ristabilire l'ordine e iniziare a sentirti meglio essendo preciso e prendendo le misure necessarie.

Inoltre, l'uso di un linguaggio preciso può aiutare le tue interazioni a funzionare più agevolmente. C'è qualcosa che fa il tuo coniuge che trovi irritante, come ad esempio trascurare di ripulire se stesso? Quando si tratta di trattare con gli altri, prima sei onesto e preciso con loro, meglio è.

Ci sono individui terribili e tirannici nel mondo, ma dobbiamo evitare di reprimere la natura umana nei nostri sforzi per sradicarli.

 Una conclusione chiave nel romanzo di George Orwell The Road to Wigan Pier è che il socialismo stava attirando sostenitori in Inghilterra non per compassione per le terribili circostanze affrontate dai minatori, ma piuttosto per l'antipatia per i ricchi e i potenti. Oggi ci sono opinioni comparabili contro il patriarcato, che è una struttura di leadership dominata dagli uomini che ha controllato la società per secoli.

Una fonte importante di questo sentimento anti-patriarcato è Max Horkheimer, un sostenitore della cosiddetta "teoria critica" che è un membro della Scuola marxista di Francoforte e un sostenitore dell'oppressione patriarcale. Credeva che l'educazione e l'intellettualismo dovessero essere focalizzati sulla trasformazione sociale e che, piuttosto che tentare di dare potere alle donne, avrebbero dovuto lottare per combattere ed eliminare i forti oppressori in una società - cioè i maschi al governo - piuttosto che dare potere alle donne. Inoltre, la decostruzione della nostra cultura macho viene sostenuta nelle classi umanistiche di tutto il mondo ora, e per una buona ragione. Tutto riguarda la distruzione piuttosto che la riparazione o la produzione e, secondo l'autore, ciò ha provocato uno sfogo di rabbia rivolto verso la condotta maschile che può essere eccessivamente dura e miope nella sua applicazione.

Per fornire solo un esempio, molti studenti maschi devono spesso affrontare accuse aggressive di complicità nell'oppressione patriarcale, ma la strada per un giusto cambiamento non dovrebbe includere giudicare ogni ragazzo come un possibile criminale sessuale. Tuttavia, sebbene sia vero che molti uomini hanno agito in modo deplorevole, l'autore sostiene che gli uomini hanno anche utilizzato le loro disposizioni intrinsecamente aggressive per fare del bene, come partecipare a una sana competizione, esplorare regioni potenzialmente pericolose e ottenere il tanto necessario avanzamento. Ricorda gli skateboarder, secondo l'autore. Incredibili skateboarder hanno dimostrato un notevole coraggio e il desiderio di accettare il pericolo fuori da alcuni degli edifici del campus dell'Università di Toronto. Successivamente, tuttavia, le autorità municipali hanno deciso di vietare lo skateboarding nei terreni dell'università. Da qui la regola numero 11: non disturbare i bambini che pattinano o vanno in bicicletta.

Non siamo in grado di creare norme incompatibili con il nostro carattere fondamentale di esseri umani. Le nostre leggi dovrebbero, senza dubbio, proteggerci, ma non dovrebbero farlo in modo da minare le caratteristiche positive che esistono negli individui. La rappresentazione drammatizzata di ciò che può accadere quando i maschi perdono la loro virilità è stata davvero eccellente, secondo me. Per questo l'ostilità può trasformarsi in un frutto proibito che si esprime in inclinazioni fasciste, come dimostra la narrativa di Fight Club. Un'altra risposta concreta all'evirazione è il recente risveglio dei movimenti politici di destra negli Stati Uniti. La realtà è che le madri non vogliono che i loro figli crescano senza l'opportunità di scoprire le cose da sole e diventare autosufficienti. Afferma che ogni ragazzo ha una madre, e che tipo di madre vorrebbe prendersi cura di un figlio maschio che dipende completamente da lei?

Poiché la vita è difficile e piena di tristezza, è importante riconoscere e apprezzare i piccoli piaceri della vita.

Hai mai dovuto prestare assistenza a qualcuno che è malato? Potrebbe essere uno dei compiti più impegnativi che una persona dovrà affrontare nella propria vita.Da quando aveva sei anni, la figlia dell'autore ha dovuto affrontare una grave artrite alle mani e ai piedi Oltre a numerose iniezioni e interventi di sostituzione delle articolazioni, negli ultimi anni ha anche avuto dolori cronici. Sebbene sia comprensibile che tu possa pensare che la vita sia ingiusta se tua figlia si trova in questa posizione, è anche essenziale rendersi conto che i momenti bui di angoscia, sofferenza e dolore sono ciò che dà significato ai momenti felici. Prendi, ad esempio, Superman. Quando questa figura è apparsa inizialmente sulla scena, era molto popolare. Tuttavia, gli autori dei fumetti hanno continuato a dargli forza e potere, fino a renderlo quasi inarrestabile. Di conseguenza, sta diventando meno interessante per i lettori.

I trionfi di Superman sono vani se non c'è pericolo nelle immediate vicinanze. A dire il vero, i momenti felici non avrebbero alcun valore se non dovessimo lottare attraverso le sfide e il dolore per arrivare a questi tempi. Per questo è importante attenersi alla regola 12: sfruttare anche i piccoli piaceri che la vita ha da offrire per essere felici. Aderendo a questa linea guida, sarai sicuro di abbracciare la vita e goderti ogni cosa meravigliosa che ti accade. Sarai anche in grado di vedere te stesso attraverso circostanze difficili, anche se durano per un lungo periodo di tempo. Dopo anni di agonia e sofferenza, la figlia dell'autore ha finalmente scoperto un nuovo fisioterapista che l'ha aiutata a ritrovare più mobilità, un ragionevole grado di normalità e una significativa riduzione del dolore. È possibile che ci siano più problemi in futuro, ma entrambi si accontentano di sfruttare i vantaggi finché durano.

Questo è il più grande atteggiamento da avere; è il tipo che ti incoraggia a prenderti il ​​tuo tempo quando incontri un gatto sul marciapiede e lo tocchi. Dovresti sempre tenere a mente che non c'è giorno senza l'oscurità della notte e che non c'è ordine senza caos. Quando soffriamo, aggiunge significato alla nostra perseveranza e rende i momenti di calma molto più soddisfacenti.

L'ultimo capitolo del libro è 12 regole per la vita.

Il tema principale di questo libro è che navigare nella vita è una battaglia continua piena di sfide e tribolazioni, e se c'è una cosa che può essere certa nella vita, è che quasi sicuramente ci saranno più difficoltà avanti. È anche possibile trovare bellezza e piacere, nonostante il fatto che questi momenti siano di natura transitoria. Tutto ciò che puoi sperare in questa vita è essere onesto e genuino, pur essendo egoista e arrogante. Anche la capacità di accettare la responsabilità della propria situazione nella vita e di non dare la colpa al mondo o agli altri è essenziale. Alla fine della giornata, solo tu hai la possibilità di migliorare la tua situazione. Consiglio pratico: rifletti sui tuoi errori e chiediti: "Come ho sbagliato?" Potresti non essere d'accordo con la risposta, ma è un passaggio necessario per il miglioramento continuo e la veridicità. Questa domanda dovrebbe essere posta da te stesso su base frequente, in modo che tu possa provare il piacere di fare progressi ogni giorno mentre ti sforzi di diventare un essere umano migliore.

Compra libro - 12 regole per la vita di Jordan B. Peterson

Scritto da BrookPad Team basato su 12 regole per la vita di Jordan B. Peterson

.


Post più vecchio Post più recente


lascia un commento

Si prega di notare che i commenti devono essere approvati prima di essere pubblicati

Judge.me Review Medals